CCIR

I TWEET

World Bank Prices Third Green Benchmark Bond in a Symbolic Week, Marking the 10-Year Anniversary of the Green Bond… https://t.co/910Tx6KcN2
Europa - #Energia: nuovi obiettivi per le #rinnovabili e l’#efficienzaenergetica https://t.co/pQSqXyZyT8
#Usura: da Mef 18,9mln di euro al Fondo di prevenzione per #imprese e #famiglie a rischio https://t.co/z8GyiQNxYj

Il Parlamento europeo sta proseguendo i negoziati con la Commissione europea e il Consiglio per aggiornare il registro UE per la trasparenza. Ad aprile 2018 sono iniziati i dialoghi tra le tre istituzioni europee per istituire un registro obbligatorio per le attività di lobby. Dal 2011 il Parlamento e la Commissione hanno un registro

congiunto chiamato Registro per la trasparenza. Dal 2014 il Consiglio partecipa come osservatore a questo processo. Il Registro ha preso il posto di due registri separati tenuti dalle due istituzioni. Il Parlamento cominciò a tenere un registro sin dal 1995.

 “Noi facciamo le leggi per i cittadini. Quindi loro hanno ovviamente il diritto di esigere trasparenza da parte nostra”, ha spiegato la vice Presidente del Parlamento Sylvie Guillaume. La deputata francese dei Socialisti e democratici è la responsabile del Parlamento per i negoziati, insieme al Presidente della Commissione Affari costituzionali Danuta Hübner, deputata polacca  del Partito popolare europeo.

L’obiettivo è quello di elaborare delle nuove regole in grado di rendere il processo decisionale ancora più trasparente e accessibile al pubblico. Danuta Hübner crede che tutto ciò possa contribuire a consolidare la fiducia delle persone: “I cittadini, quando sono più consapevoli di come funziona l’Europa, riescono anche a sviluppare un sentimento di appartenenza e di responsabilità verso l’Europa”.

 

 

 

 

EN IT